Due treni rossoneri sulle Dolomiti

Quest’anno alla Maratona delle Dolomiti ben due ‘treni’ di ciclisti della Oi Myoikoi – US Legnanese 1913 hanno partecipato alla corsa.

I primi ad affrontare la 29.esima edizione sulle montagne del Trentino e del Veneto sono stati  17 ragazzi muniti di bici da corsa, guidati da capitan Flavio Camozzi.

Tra montagne scoscese, salite interminabili come il Fedaia e sbalzi temporali, Paolo Ferrè, non solo grande appassionato di ciclismo ma anche presidente della Confcommercio di Legnano, racconta l’avventura tra le Dolomiti: ”Non è la prima volta che partecipiamo a questa maratona ma ad ogni curva si sente sempre l’emozione di pedalare per le strade antiche della storia del ciclismo. Domenica 5 luglio siamo arrivati alla partenza quasi all’alba, partiti alle 6:30 abbiamo fatto il percorso lungo migliorando i nostri tempi personali, il mio di 4 minuti, ma in particolare Luca Agazzi che ha tagliato il traguardo in 5:17 minuti. Comunque un’avventura da ripetere ancora e per molto tempo!”.

Il secondo gruppo di biker targati Oi Myoikoi ha partecipato alla Dolomiti Superbike che da oltre venti anni mette alla prova gli appassionati in una delle manifestazioni più dure ed importanti della Mountain Bike Internazionale.

Gianmarco Cattaneo, capitano della formazione rossonera, spiega: ”Solo gli atleti più allenati si iscrivono a questa leggendaria competizione con una lunghezza di 119 km e con un dislivello altimetrico di oltre 3.800 metri. Tra i 5509 iscritti c’erano, quest’anno, i nove atleti del settore off road della mitica Unione Sportiva Legnanese. Ben motivati, convinti di affrontare la sfida abbiamo vissuto un’ esperienza indimenticabile”.

I ciclisti della Sportiva hanno, quindi, tinto di rossonero le cime della Marmolada, dell’Antelao e del Pelmo gli spuntoni di roccia più conosciuti della catena dolomitica, tra sport, amicizia e agonismo in un contesto davvero unico ed inimitabile.off2 off3 off4