I ciclisti per la pace arrivano a Legnano

Legnano, 1 settembre 2016 – L’Auschwitz-Roma, il viaggio per la pace in nome di Gino Bartali, è arrivato a Legnano dopo otto tappe e 1300 km percorsi. I ciclisti sono stati accolti a braccia aperte dal sindaco Alberto Centinaio in persona, dalla giunta comunale e da molti soci accorsi nella sede di via Quadrio.
Roberto Damiani, presidente della U.S. Legnanese, Giorgio Bittanti e Sergio Venturini coadiuvati da Giovanni Restelli, sono partiti il 25 luglio dal campo di concentramento polacco: “Lo sport può essere il testimone di grandi emozioni, non solo agonistiche – ricorda Damiani -. Vogliamo ricordare tutti coloro che desideravano un ritorno a casa ma sono periti nei campi di sterminio: in fondo avere una famiglia è quello che ogni uomo desidera, non è scontato ricordarlo giorno dopo giorno. Spesso ce ne dimentichiamo.”
Giorgio Bittanti, promotore del viaggio, racconta così gli aspetti tecnici affrontati finora: “La tappa più complicata da affrontare dal punto di vista fisico è stata quella da Imstberg a Chiavenna. Pedalare totalmente contro vento ci ha fatto assaporare la fatica e il desiderio di ritorno per chi non ce l’ha fatta durante la guerra. In generale, le condizioni climatiche sono state clementi: abbiamo pedalato con una media di 25 km/h e siamo stati sul sellino per 45 ore. Ora non dimentichiamo che non è finita”.
Un’esperienza unica e umanamente profonda che proseguirà per altre quattro tappe italiane. Sabato 3 settembre, durante la nona tappa, i ciclisti rossoneri avranno un compagno di viaggio speciale: il primo cittadino della Città di Legnano, Alberto Centinaio, pedalerà fino a Pero prima di lasciar proseguire la carovana fino a Fossoli. Qui visiteranno il quarto campo di prigionia dell’intero percorso – dopo Auschwitz. Mauthausen e Dachau – allestito dai fascisti nel 1942. Da Fossoli proseguiranno fino a Riccione per poi addentrarsi nel cuore dell’Italia centrale sostando ad Assisi, la città di San Francesco. Ultima tappa sarà in programma il 6 settembre quando raggiungeranno Roma. Nella capitale incontreranno Papa Francesco a cui doneranno la maglia con i colori dell’arcobaleno e una bicicletta.

comune e ciclisti

RGGS